5G GLOBAL PROTEST DAY “DAL 2020 AL MONDO CHE VOGLIAMO”

Per chi volesse partecipare, il Comitato Tecnologie Sostenibili – STOP5G ROMAGNA manifesterà il 26 settembre 2020 alle ore 18 a Rialto piazza Saffi (c.so Garibaldi – Via Canestri – Via Mameli) di Forlì. La manifestazione riguarderà la privacy, la salute, l’ecosistema, la scuola, la costituzione, la libertà di cura, la vicinanza sociale, oltre che per dire no al 5G, no al tracciamento, no al riconoscimento facciale.

Alla manifestazione SIT IN interverranno:

– Dottoressa ANNA RITA IANNETTI (medico)

– ANDREA BIZZOCCHI (autore)

– Avvocato MAURO SANDRI

– Architetto MICHELE PIETROPAOLO (presidente Legambiente Pesaro)

– Dottoressa. ELISABETTA SAVIOTTI (psicologa e presidente del comitato Tecnologie Sostenibili -Stop5G Romagna)

– Dottoressa ANTONELLA BARTOLETTI (medico Isde)

Per ulteriori informazioni riguardanti l’evento visitate la pagina dedicata del Comitato Tecnologie Sostenibili – STOP5G ROMAGNA cliccando su questo link:

26 settembre ore 18 a Forlì 5G GLOBAL PROTEST DAY “DAL 2020 AL MONDO CHE VOGLIAMO”

Proposta di manifestazione di protesta unitaria Fuochi R2020

Salve a tutti!

Dalla nostra comprensione del fatto che è essenziale espandere la protesta contro quello che sta accadendo, siamo lieti di proporvi una manifestazione nazionale di tutti i fuochi di R2020, da svolgere ognuno nella propria sede e nella stessa giornata.

Gli obiettivi sono diversi:

-coinvolgere persone, movimenti, associazioni etc, che per varie motivazioni non riescono a dare voce alle proprie istanze, quindi raccogliere le proteste di chi sta soffrendo di più

cercare di attrarre i giovani in generale, quelli della scuola e dell’università, i laureati senza lavoro o quelli che un lavoro l’hanno perso, i giovani disoccupati in generale, etc.
(una piattaforma per i giovani?)

-impegnarsi per proteggere le fasce più deboli, soprattutto anziani, che vengono bombardati continuamente dalle notizie allarmanti dei media mainstream, giornali e televisioni

appelli a vari tipi di associazioni, soprattutto ambientalisti, che non hanno preso posizione su ciò che accade, tranne qualcuna (ad esempio ISDE)

appelli ai politici locali, nazionali e europei

-riutilizzare i tradizionali modi per diffondere, ad es. volantini, manifesti, banchetti, etc

-organizzare e accelerare la realizzazione di un fronte di protesta unitario, processo che è già in atto, con tutti gli altri gruppi che si stanno impegnando per la difesa delle libertà dei popoli.

Che cosa ne pensate? Avete proposte? Come le realizzereste?

Unisciti al Gruppo Venezia Parco Catene

Ripartiamo da venerdì 11 settembre a ritrovarci a Marghera presso il parco Catene. Al momento siamo una 15ina di persone, in costante crescita. Per far parte anche tu del nostro gruppo, vai alla nostra pagina del fuoco e riempi il form di adesione, o scrivici una mail a veneziaparcocatene@r2020.info
Oppure manda un msg scritto a WhatsApp o Telegram o Sms al 3336494977 con un tuo recapito, verrai aggiornato di tutti i nuovi incontri, orari etc.

Ti aspettiamo!!!