RASSEGNA STAMPA – SETTIMANA 29

Questa settimana partiamo in decisa controtendenza con due casi studio, drammatici ma educativi, affinchè ciò che sta accadendo possa fermarsi per non ripresentarsi mai più. Presenteremo due casi di grave correlazione, evidente ed in via di accertamento, da danno vaccinale, Santo Giuliano, giovane ballerino professionista andato in infarto cardiaco, e Maurizio Karra, giornalista siciliano. Entrambi sopravvissuti ma segnati per la vita

Nella ventinovesima settimana del 2021, si assiste alla realizzazione dell’ennesima misura liberticida che il mainstram, l’anno scorso, bollava come fake news cospirazionista. D’altronde il lettore, che si approccia a questa breve rassegna, avrà capito che oggi tutto ciò che svela i piani di accerchiamento e smembramento delle realtà nazionali, viene bollato come fake news.

Ebbene dopo l’esempio francese, anche l’Italia ha adottato, per Decreto Legge, il Green pass come strumento discriminatorio di Stato, al di la di ogni costituzionalità ed evidenza scientifica.

Si tratta evidentemente di leggi vaccinissime in decisiva somiglianza, non tanto per assonanza, quanto per contenuto e metodo con quelle fascistissime del secolo scorso. Vedremo quindi la presentazione e le relative reazioni a caldo.

 Nella sezione LA SETTIMANA DELL’ODIO, vedremo inoltre, come esercizio scolastico, un’analisi dell’incattivimento comunicativo nella settimana che ha preceduto l’emanazione del pass vaccinale. 

Seguiranno alcuni episodi di protesta a caldo, che hanno portato soprattutto a Torino a riempire le piazze.

Si chiuderà col calendario delle proteste organizzate in TUTTA ITALIA SABATO 24 LUGLIO 2021

 

Rassegna stampa a cura di Davide Viscusi per R2020

Continua a leggere

RASSEGNA STAMPA – SETTIMANA 28

Nella ventottesima settimana del 2021, probabilmente in risposta al vistoso calo di fede nelle proprietà taumaturgiche del siero genetico, si assiste ad una pericolosa escalation di isteria vaccinista, che sfocia nell’increscioso caso francese.

La decisione da parte del governo franco di estendere l’obbligo vaccinare e il pass sanitario è di una gravità tale che merita il primo capitolo di questa rassegna.

Le leggi vaccinissime del leader francese non sono certo passate inosservate in quel paese che anni addietro emanava quelle fascistissime. Tuttavia, nella speranza che non prevalga l’ala nostalgica, al momento, nella nostra piccola colonia, sembrano dominare posizioni più caute e conservative.

Vedremo anche casi di abuso di potere nei confronti di una discoteca siciliana, vedremo alcune indiscrezioni sul vaccino italiano chiamato Reithera, e l’annuncio decisamente fumettistico della supervariante super resistente! 

Il progetto di repressione globalista si va costruendo con una velocità che non ha eguali nella storia a noi nota. Ma la velocità è e sarà il vero tallone di Achille di questa Seconda Restaurazione: troppi errori, troppe incoerenze, troppo autoritarismo di Stato; i popoli sembrano non volersi piegare alle nuove logiche di dominio repressivo, becero e classista.

Vedremo quindi come procede il crollo delle adesioni, la decisione di istituire dei call centre per convincere gli irriducibili.  

Vedremo che il 54% dei ricoverati spagnoli ha fatto la doppia dose,

Vedremo Ricciardi ammettere candidamente che non v’è alcuna differenza di copertura tra vaccinati e non.

Vedremo inoltre Il Garante della Privacy fermare le convulsioni vacciniste di Musumeci, e il Codacons pronto a difendere tutti i discriminati.

Non dimentichiamo che la Spagna è inoltre riuscita a far dichiarare il primo lock down incostituzionale direttamente dalla Cassazione

Finiremo con la conta aggiornata di chi, lottando per la causa sbagliata, è deceduto, vittima dell’impostura.

 

 

Rassegna Stampa a cura di Davide Viscusi per R2020

Continua a leggere

Margherita Furlan: Ecco perché resistiamo, ecco perché serve un giornalismo di qualità.

“Resistiamo senza più fondi da parte del tribunale di Google, nonostante YouTube speculi su chi è deceduto appiccicando pubblicità contro la nostra volontà di cui incassa l’intero profitto. E resistiamo senza gli amici che ci rilanciavano, senza gli spazi che ci avevano promesso. Rimuovendoci ogni volta che si fosse rivelato possibile con ogni scusa immaginabile. Resistiamo solo con voi e per voi. E l’unico modo per vincere questa guerra è contare sulla qualità”. Riportiamo la lettera e il video di Margherita Furlan, giornalista libera, fondatrice di la casadelsole.tv.

Continua a leggere

RASSEGNA STAMPA- SETTIMANA 27

Anche nella ventisettesima settimana si assiste ad una drastica diminuzione di fede nel Covid: In Campania e in molte atre regioni hanno chiuso diversi Hub vaccinali, gli Openday dell’Emilia e Romagna hanno registrato un flop clamoroso, e le somministrazioni su base nazionale delle prime dosi hanno raggiunto il minimo storico.

Le somministrazioni al momento mantengono il passo grazie alle seconde dosi, ma come si vede nel grafico le prime dosi sono in picchiata e si attestano al 55% circa

Fonte: Lab24

 

Di conseguenza la retorica propagandistica non può far altro che alzare il tiro, spingendosi oltre quel confine dell’intollerabilità che pensavamo fosse invalicabile.

Questa settimana vedremo lo svolgersi del racconto pandemico con:

Censura per Telegram, l’annuncio della variante Delta, Zuccarelli che criminalizza i novax, Spagna nel caos.

Vedremo inoltre il progresso del ricatto come metodo di governo, in particolare: Minacce ai sanitari novax e risposta garantista del TAR Ligure, Tangenti ai medici che vaccinano, e le intollerabili affermazioni di Musumeci, Governatore siciliano che vorrebbe una lista del personale vaccinato per poter discriminare con maggiore efficacia.

Vedremo inoltre un caso inedito in Spagna, capitolo buio della storia contemporanea, che potrebbe rappresentare un passo importante per la realizzazione dell’agenda 2030 secondo le volontà del Word Economic Forum: l’abolizione della proprietà privata.

 

Dal fronte della RESISTENZA le azioni si moltiplicano tanto che diventa difficile avere un idea complessiva del fenomeno. Da tutti i fronti vengono impugnati i provvedimenti disciplinari rivolti a chi non si vaccina.

L’impalcatura fa acqua da tutte le parti: in Inghilterra oltre il 60% dei decessi Covid avviene tra vaccinati, Il Tar Ligure non ci sta e va a gamba tesa contro il Governo, In Italia si rettifica l’errata traduzione della norma garantista europea sulla vaccinazione, e in Inghilterra un IMPONENTE MANIFESTAZIONE ferma il lockdown previsto per luglio.

 

Rassegna stampa a cura di Davide Viscusi

Continua a leggere

RASSEGNA STAMPA- SETTIMANA 26

Nella ventiseiesima settimana, mentre la copertura vaccinale supera di poco il 30%, il racconto pandemico si accanisce contro gli astenuti. I toni si scaldano e si inizia a parlare di un vero e proprio apartheid su base vaccinale.

Sul fronte della resistenza si fanno enormi passi in avanti. Probabilmente la notizia più importante è la rivolta di piazza a Londra. Dopo tutti i focolai da tampone su popolazioni vaccinate, dopo l’annuncio di una nuova chiusura,  un numero impressionante di cittadini inglesi tutti rigorosamente senza maschera, si sono riversati per le strade londinesi. Segno che probabilmente la fede nel racconto fantapandemico inizia a vacillare.

La vaccinazione massiva rischia di aver un effetto boomerang poichè la protezione vaccinale e la privazione della libertà sottratta causa influenza, sono del concetti del tutto antitetici che si escludono l’un l’altro. Ed è proprio su questa aporia che rischia di inciampare tutto il progetto securitario, e l’eventuale lock down invernale.

Nel frattempo escono numeri incoraggianti: oltre 200.000 insegnanti non hanno prenotato il vaccino, i sanitari continuano a contare diverse migliaia di astenuti in tutte le regioni.

Ricordiamo anche l’inconsistenza e l’inapplicabilità del green pass, il quale, se da un lato allontana l’opportunità del dissenso massivo anche in Italia, dall’altro rende ancor più inutile quel vaccino che veniva millantato come chiave per poter viaggiare.

 

Rassegna settimanale a cura di Davide Viscusi per R2020

Continua a leggere

RASSEGNA STAMPA – SETTIMANA 25

Nella venticinquestima settimana dello sventurato I anno dopo Covid, mentre le vaccinazioni rallentano financo a fermarsi, come avviene a Napoli, il racconto pandemico fa leva sull’ennesima variante e nuove minacce per l’autunno.

Nel frattempo, attraverso Tik Tok, si prepara la tanto annunciata campagna vaccinale per i giovanissimi.

Tuttavia le associazioni mediche stanno reagendo e in Trentino si diffondono “pericolosi” video informativi. In Inghilterra la resistenza riversa nelle piazze una quantità di cittadini tale da fare impallidire i timidi tentativi nostrani.

Il potere e’ sempre una questione di numeri, ei numeri stanno arrivando. 

 

Continua a leggere

SARA CUNIAL ALLA CAMERA SUL COVID PASS – SUB ENG

The COVID-19 green certificate introduced by this Decree is anunfair, inefficient, disproportionate obstacle
for the freedom of movement of Italian citizens. ECCO IL DISCORSO DI SARA CUNIAL SUL COVID PASS SOTTOTITOLATO IN INGLESE, DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE. Grazie ad Arianna e a tutta la comm. internazionale R2020.

Continua a leggere

RASSEGNA STAMPA – SETTIMANA 24

Nella ventiquattresima settimana del 2021, mentre il racconto prosegue stancamente e con diversi incidenti di percorso, con le vaccinazioni che rallentano attestandosi su un risicato 24%, un decesso di troppo attira l’attenzione dei media. Lei si chiama Camilla è ligure ed è giovane, troppo giovane per morire a pochi giorni dalla vaccinazione. Le parole del medico chirurgo che ha eseguito l’autopsia rimarranno impresse nella storia di questo triste decennio: Una situazione inedita, mai vista in 30 anni di lavoro. Daremo quindi  la parola, alla fine della rassegna, a chi la parola l’ha persa per una fede mal riposta.

Nel frattempo analizzeremo alcuni curiosi casi di propaganda vaccinista in particolare: un curioso tentativo di affiancare vaccini e costituzione. Militari in cerca di anziani calabresi da vaccinare. La nuova variante! Delta. Al via la sperimentazione umana allo Spallanzani. Alcune operatrici sanitarie sospese in primo grado.

Ma come accennato qualche decessi di troppo ha reso il programma vaccinista traballante ed insicuro, vedremo: Speranza che sospende la seconda dose AZ.  Burioni, Speranza, Abrignani, Travaglio dichiarazioni imbarazzanti e voltafaccia inspiegabili.

Il Codacons lancia un risarcimento massimo per chi ritiene di esser stato danneggiato dalla campagna provaccinista. Riviera e Santoro mettono in difficoltà i loro interlocutori in diretta televisiva, panico e imbarazzo, il pensiero critico esiste ancora!!

Segue la conta dei sanitari dissidenti che non ci stanno, nelle regioni più grandi d’Italia.

Per finire come promesso, diamo parola a qualcuno che non è più in condizioni di poter testimoniare.

 

Rubrica settimanale a cura di Davide Viscusi per R2020

Continua a leggere

RASSEGNA STAMPA – SETTIMANA 23

La ventitreesima settimana dell’anno 2021, mentre colleziona decessi post vaccino troppo imbarazzanti per esser raccontati, come la giovane Camilla, assiste alla prima vera e propria censura, palese e per nulla negata o camuffata del professor Bellavite, per il solo fatto di aver espresso perplessità sui vaccini. I vari debunker dopo anni di paga si sentono adesso autorizzati a proporre un dossieraggio per dissidenti ricordando in qualche modo l’Indice dei libri e degli autori proibiti. Nel frattempo l’Europa delle libertà procede verso l’adozione del passaporto verde, primo vero e proprio strumento di discriminazione sociale su base vaccinale, con un pericoloso scivolamento dei diritti sociali verso il modello argentino. Le farmacie, come promesso dai rappresentanti della distribuzione vaccinale hanno iniziato a somministrare in loco, in spregio alle norme di sicurezza più basilari.

Sull’altro fronte, quello della resistenza, vengono fatti passi importanti, con numeri significativi che destano preoccupazione; lo si comprende dai titoli e dai toni con cui vengono trattati i 28.000 sanitari che rifiutano la vaccinazione nella sola regione Sicilia, o i 20.000 in Piemonte. Milano invece raccoglie decine di migliaia di manifestanti accorsi anche dall’estero per sostenere i Comitato delle cure domiciliari.

La prossima settimana cercheremo di dar voce alle giovani vittime del velenoso inganno, che dopo aver fagocitato i loro diritti, adesso vuole la loro vita.

 

Rassegna settimanale a cura di Davide Viscusi per R2020

Continua a leggere

RASSEGNA STAMPA – SETTIMANA 22

Mentre il progetto globalista, almeno nella nostra penisola, procede inerzialmente beneficiando della coesione ottenuta mediante intimidazione e propaganda, sul fronte della resistenza spirano venti che rendono la missione insicura: l‘Azienda Sanitaria piemontese si è accorta che nella sola regione Piemonte ben 20.000 sanitari su circa 56.000 non hanno prenotato o hanno ignorato la chiamata vaccinale.

Scandalo e costernazione affliggono Antonio Rinaudo, commissario dell’Area giuridico-amministrativa dell’Unità di Crisi della Regione Piemonte, che attraverso il rotocalco sabaudo fa sapere che il manganello si abbatterà presto sui 20.000 (neo)patarini, apostati, colpevoli di non voler aderire alla nuova professione di fede.

E mentre si annuncia l’avvento della terza dose, la qual cosa è anche naturale poichè ogni forma di fede incorpora a modo suo il concetto trinitario, e si cerca di boicottare la fornitura di farmaci antivirali, il fronte della resistenza cresce.

Vedremo: Un’interessante traduzione dell’ultimo ricalcolo di efficacia vaccinale pubblicato sul Lancett. Il CDC che ammette la correlazione trombo vaccinale e le compagnie aeree che non vogliono vaccinati a bordo. La Rayanair che rifiuta green pass e discriminazioni vaccinali. La Svezia che abbandona completamente la metodologia del PCR.

Vedremo inoltre un divertente esempio di giornalismo alla vecchia maniera nel quale Pregliasco dimostra la propria inconsistenza.

E ancora manifestazioni e massa critica nelle maggiori piazze italiane per il No Paura Day

 

 

Rubrica settimanale a cura di Davide Viscusi per R2020


 IL RACCONTO PANDEMICO CONTINUA

 

Non c’è due senza tre

Ebbene due dosi non bastano più.

In un fanatico impulso vaccinista il nostro Ministro annuncia la terza dose per tutti. Poco importa se non esiste alcuno studio sui possibili effetti collaterali a medio e lungo termine per le 3 somministrazioni. Poco importa perché tale studio non esiste nemmeno per le due somministrazioni attualmente consigliate. Ma chi ama la precisione vorrà puntualizzare che tale studio è in corso su larga scala.

Milano today

 

Cure sotto sequestro!

Se cura non ci piace. Il Dott Mauro Rango, fondatore dell’associazione italiana Ippocrate, racconta la crociata intrapresa a livello europeo contro il farmaco ivermectina, nonostante si sia rivelato all’atto pratico efficace nella cura delle patologie respiratorie.

Radio Radio

 


SEGNALI DI CEDIMENTO

 

“Vaccini” Covid: un’impalcatura che crolla

The Lancet pubblica nuovi studi che, facendo tesoro della sperimentazione in corso su larga scala, mostrano una significativa riduzione dell’efficacia assoluta dei vaccini, che adesso si attestano nel migliore dei casi allo 0,84%.

“Questo esperimento “vaccinale” ha solo pochi mesi di vita, eppure, negli Stati Uniti, secondo il sistema di segnalazione passiva VAERS i decessi in seguito a iniezioni Covid hanno già superato quelli dei precedenti 21 anni per tutti gli altri vaccini messi insieme, con, oltre ai decessi, più di 227.000  eventi avversi non fatali. Inoltre, è stato riferito che il sistema VAERS registra solo circa l’1% degli eventi avversi reali […]. ”

Comedonschisciotte – Covid impalcatura crolla

 

Se sei vaccinato non prendi l’aereo

Il dottor J. Patrick Whelan, un reumatologo pediatrico, a dicembre 2020 aveva avvertito la Food and Drug Administration (FDA) che i vaccini a mRNA avrebbero potuto causare lesioni microvascolari a cervello, cuore, fegato e reni in modi non valutati negli studi di sicurezza nei sieri autorizzati in emergenza. Whelan ha cercato di allertare la FDA che i vaccini progettati per creare immunità a SARS-CoV-2 può causare invece lesioni.

E ha avuto ragione! Il CDC negli USA, ha riconosciuto che i vaccinati sono a rischio trombosi, e diverse compagnie aeree stanno valutando se vietare l’imbarco ai vaccinati per evitare problemi in alta quota.

Secondo piano – Trombosi in alta quota

 

Rayanair non discrimina

Rayanair, la nota compagnia low cost ha fatto “coming out” annunciando che non farà discriminazioni su base vaccinista. Dunque non riconoscerà alcun passaporto vaccinale, e tutti i clienti, fedeli atei, uomini e donne, vaccinisti incalliti o meno, saranno tutti quanti liberi, senza alcuna discriminazione di sorta di prendere il volo.

Ciò che invece avverrà nei vari gates di arrivo non è ancora chiaro.

No problem flight – Rayanair

 

 Montagnè sconsiglia la terapia genetica

Il celebre premio Nobel, che già nell’aprile 2020 aveva avvertito circa la natura sintetica dei ceppi virali analizzati dal suo team, sconsiglia fortemente le terapie genetiche in corso di sperimentazione.

Radio Radio – Montagnè

 

Dialogo tra un Pregliasco, un Mazzucco e un Cristiano

Luogocomune ospita estratti di un’intervista fatta da Canale Italia, nel quale Mazzucco mette elegantemente alle corde un Pregliasco imbarazzato e sfuggente.

D’altronde questi campioni dell’etica, quando escono dai loro salottini, si rivelano fragili e insicuri.

Intervista da non perdersi !!

  

Il vaccino va riprogrammato

Dopo il tragico decesso di Lisa Shaw, avvenuto ad una settimana dalla vaccinazione e seguito di numerosi trombosi multiple, spuntano le prime ammissioni: il vaccino va riprogrammato.

Ma il nostro lettore non gradisce informazioni furi contento o tendenziose, ragion per cui occorre domandarsi ciò che non sentirete da nessun giornalista televisivo: quante probabilità avrebbe avuto una donna sana di 44 anni di morire a causa di complicazioni respiratorie legate al covid?

Ebbene secondo le tabelle pubblicate del Ministero italiano la probabilità è vicina allo 0%

R2020

 

La Svezia abbandona i PCR

Seguiamo la notizia da diverse settimane, adesso è ufficiale la Svezia abbandona definitivamente i test PCR come strumenti sufficienti di diagnosi per coronavirus.

Radio Radio

 

Santoro si schiera

Il noto giornalista, invitato da Floris, fa notare l’insostenibile convergenza di tutto il sistema mediatico attorno alla vaccinazione. Il conduttore imbarazzato, cerca di ricondurlo alla retta via. Ma il vecchio alfiere dell’informazione è un irriducibile costituzionalista imbevuto di fanatico senso di egualitarismo preconcettico e pericolose tendenze democratiche. Floris è in difficoltà.

Radio Radio

 


 LA RESISENZA

 

Sara Cunial, domande scomode

La nostra parlamentare prende la parola e pone una semplice e disarmante domanda:

“Mi riallaccio all’intervento della collega Sarli […] Dove sta scritto che chi è vaccinato non può essere contagiato e non potrà contagiare, perché non sta scritto da nessuna parte, ne dall’OMS ne tanto meno dall’Istituto Superiore di Sanità, quindi di che cosa stiamo parlando quando parliamo di un vaccino obbligatorio, che non è in grado nè di coprire dal contagio nè tantomeno di impedirne la diffusione? [secondo fonti ufficiali, NDA ] “

E prosegue

“Il prestigioso Salk Istitute ci dice che che la proteina spike può causare enormi danni al sistema vascolare quando alla persona viene iniettata la proteina direttamente o quando tramite i vaccini ad mRNA ne viene proliferata la formazione all’interno del nostro sistema immunitario […] “

La notizia del Salk Istitute

L’intervento di Sara Cunial

 

Torino 20.000 sanitari dicono no

La componente eretica del settore medico sanitario nella sola regione piemontese si attesta a circa 20.000 unità, ricordando una singolare coincidenza col movimento patarino il quale, secoli orsono, osava contestare il primato ideologico del papato romano.

Ventimila sono i sanitari che non hanno risposto alla chiamata vaccinale o non l’hanno prenotata.

Torino Repubblica: 20.000 sanitari no vax

 

Londra, disordini in piazza

I cittadini scendono in massa contro vaccinazione e passaporto sanitario, nel più completo silenzio.

Radio Radio – Francesco Amodeo

 

 

VENEZIA, IN MIGLIAIA IN PIAZZA PER LA MANIFESTAZIONE “DIRITTI E SALUTE OGGI

Non di solo gregge vive il popolo,  e la Commissione R2020 porta in piazza anche la Commissione Giovani di R2020 e riempie la piazza.

La scaletta degli interventi ha ospitato

Ma la notizia più significativa è che la piazza era piena. E non esiste regime in grado di contrastare piazze piene di dissidenti.

Come di consueto, per conseguenza diretta della nuova scienza securitaria, ci si attende una grandissima epidemia che spopolerà la Serenissima, e pertanto gli ospedali di tutta Europa sono stati preventivamente allertati.

Canale Youtube R2020

 

No paura Day 28 maggio Bergamo: Stefano Scoglio

Il noto ricercatore prende la parola nel No Paura Day tenutosi il 28 maggio in diverse citta italiane.

Nella piazza bergamasca erano presenti anche le forze dell’ordine e qualche migliaio di cittadini senza maschera.

Si attende la solita epidemia che decimerà gli abitanti della provincia, allertati gli ospedali di tutta Europa.

Canale indipendente

 

No paura Day 28 maggio Torino

Anche Torino riempie la piazza di pericolosissimi dissidenti privi di ostruzioni respiratorie, come la nuova etica popolare secondo alcuni imporrebbe per il bene comune.

Canale youtube indipendente

 Canale Youtube Roberto Varrone

I 300 dissidenti secondo Repubblica

 

No paura day Massa

Web TV