Report in Rima – Fococlaro Roma

REPORT IN RIMA

Se semo visti a casa de Maria,

a lo sprofonno, er pomeriggio presto.

Io arivo puntuale, è ‘na mania,

ma sò un tipo pazziente, nun protesto

si l’antri ariveno quanno che je va.

Così a le cinque potemo incomincià…

a inzuppà li tozzetti ner passito.

Poi c’è la torta ch’è un compreanno.

Auguri a tutti e bon appetito,

che magnà in compagnia nun fa mai danno,

anzi, ce da quer deppiù de l’energia

che ariva quanno scacci l’angonia.

Così fra un mostacciolo e un toroncino,

cercamo da capì qual è er futuro,

mo ch’è arivato ‘sto cacchio de vaccino.

Pe ’quarcheduna de noi è proprio duro.

“Io sò insegnante e me obbligheranno”

“A me er vaccino già me fece danno,

ma sò infermiera e m’hanno consegnato

le carte da firmà pe’ dà er consenzo.

È chiaro che nun l’ho mica firmato,

ma me figuro quale sarà er compenzo”.

Perzonarmente io sò fortunato,

pe’ mo nun rischio che sò penzionato.

Ma penzo, prima o poi, m’acchiapperanno.
Mo lotto contro ogni sia sia soppruso

e pe’ chiunque oggi stia penanno.

Pacifico, si posso, o a brutto muso.

Poi pe’ strigne er discorzo, in concrusione,

provamo a dacce ‘n’organizzazione,

indove che chi è bravo a fà quarcosa,

potesse mettela a disposizzione.

Poi se passa a fà tutta ‘n’antra cosa,

labboratorio, teatro, formazzione,

pe’ tirà fora er mejo a ciascheduno.

Quest’è ‘na marcia in più pe’ ‘sto riduno.

Tanto pe’ dà un’idea de quer che famo,

se guardamo ne l’occhi e stamo zitti,

che, senza le parole, noi acchiappamo

l’anima e er core, annamo dritti dritti.

Doppo inventamo giochi che sò un tajo,

pe’ ride tutti assieme de lo sbajo.

Poi famo come a move statuine,

ma è ‘na cosa seria, nun ridete,

famo sortì espressioni genuine

pe’ figurà er monno ‘ndò vivete,

pe’ creà drento a noi quella sostanza

pe’ dà forza a la forma in abbonnanza.

Forze noantri nun sarveremo er monno,

o forze sì, armeno ce provamo.

Ma poi stà certo, io nun m’annisconno,

noi ridemo e scherzamo, ma ce stamo.

‘St’antro sabbato, armati d’allegria,

ce s’arivede tutti da Maria.

Carlo Renzi